Attacco dei Piranha: decine di feriti a Rosario in Argentina

I piranha hanno attaccato ferocemente per il troppo caldo  i bagnanti a Rosario, 300 chilometri da Buenos Aires. Staccati brandelli di carne dal corpo di molte persone, una bambina ha perso un dito.

ROSARIO – Sono rimaste ferite oltre settanta persone a Rosario – la terza città più grande dell’Argentina, 300 chilometri a nord della capitale Buenos Aires per un attacco dei piranha. Si tratta di morsi di piranha che hanno devastato le acque nelle ultime 48 ore, in una serie atipica di attacchi dovuta all’ondata eccezionale di caldo che si è abbattuta su molte regioni  argentine e uruguaiane.

I feriti – fra i quali anche una bambina di 7 anni che ha perso un dito e un uomo a cui i piranha hanno causato una frattura esposta – si trovavano fra i numerosi bagnanti che in questi giorni hanno cercato sollievo dall’afa nelle spiagge sul fiume Paranà nei dintorni di Rosario. Le stesse alte temperature – che si mantengono al di sopra dei 30 gradi da più di una settimana, sfiorando anche i 40 gradi – hanno però attirato grandi gruppi di piranha (noti localmente come “palometas”) che hanno attaccato ferocemente i bagnanti.

“E’ la prima volta che succede questo tipo di attacco, così aggressivo. Ieri mattina sono cominciate ad arrivare in ospedale persone con morsi su talloni, piedi e mani. Ad alcuni i pesci avevano letteralmente staccato pezzi di carne dal corpo”, ha raccontato un medico locale, Gustavo Centurion, al quotidiano La Capital.

Intanto le autorità argentine hanno invitato tutte le persone a non bagnarsi nelle acque nei dintorni del fiume Paranà tramite un messaggio televisivo a reti unificate. Il pericolo è grosso,  alcuni etologi che studiano il comportamento animale nell’ ambiente marino argentino, hanno affermato che ci potrrebbero essere un nuovo attacco dei piranha nelle prossime ore in quanto la temperatura non è destinata a scendere ma anzi si potrebberò sfiorare i 42 gradi. Massima allerta quindi per la popolazione locale.

 

 Attacco dei Piranha [Video]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *