Super Bowl 2012: un giro d’affari molto social!

Tra poche ore (le 3 di notte italiane) si disputerà ad Indianapolis il 46esimo Super Bowl del football americano. La sfida tra i Giants di New York e i  Patriots di Boston, sarà seguita in diretta tv da un pubblico di circa 150 milioni di spettatori americani e svariati altri milioni nel resto del mondo. 



madonnasuperbowl2012_0115large-3335920-7529761-4981851-6200322Ma le aziende, al passo coi tempi, cercano di potenziare al massimo l’effetto pubblicitario oltre i classici 30 secondi televisivi, allargandosi all’universo digitale, grazie ad una forte integrazione con i media sociali. È dunque questa la novità vera e propria che caratterizza l’aspetto economico di questo importante evento mediatico: il massiccio utilizzo da parte delle più grosse corporations, americane e non, delle tecniche di social media marketing (l’inizio della fine delle tradizionali strategie pubblicitarie?). 

Molti degli spot, creati in occasione dell’evento Super Bowl, sono stati pubblicati in anteprima sui siti che condividono video. Basta dire che su YouTube lo spot della Wolkswagen ha realizzato 11 milioni di visualizzazioni in soli 5 giorni. Ma anche quelli di Honda e Coca Cola hanno riscosso un notevole successo sul web. 
Tutti gli eventi televisivi sono oramai caratterizzati da una partecipazione, da parte degli spettatori-consumatori, meno passiva di un tempo. Nel momento stesso in cui la trasmissione si sta svolgendo, Twitter, Facebook, etc etc danno la possibilità di commentare in tempo reale e interagire con autori, conduttori e ospiti delle varie trasmissioni, in un ottica non più verticale e unidirezionale, ma orizzontale e partecipativa. A questa logica non poteva sfuggire il Super Bowl. Le aziende sperano che oggetto di commenti, tweet, post etc etc siano non solo le imprese sportive delle due squadre in campo, ma la gara di creatività ingaggiata dalle varie agenzie pubblicitarie, con l’utilizzo frequente di autori di culto, in occasione degli spot prodotti ad hoc per l’evento. Insomma la viralità e vitalità della rete oramai rientra nelle strategie di marketing delle più grosse multinazionali mondiali e la partita di questa notte rappresenta forse l’ufficializzazione di quella nuova frontiera pubblicitaria denominata: social media marketing.
[banner size=”336X280″]

Facebook Fan Page
Pixel bros on Youtube

 

Pubblicato da Flavio Troia

Ciao! Sono un tecnico informatico con esperienza multidisciplinare. Ho iniziato la mia carriera presso Radio Radicale, dove mi sono occupato di ripresa audio e video e gestione tecnologica. Successivamente, ho lavorato nell'assistenza clienti Vodafone 190, sviluppando competenze nell'interazione con il pubblico e nella risoluzione di problemi tecnici. Poi, come ITv Coordinator per MSC Crociere, ho gestito la TV interattiva e i sistemi televisivi di bordo, acquisendo capacità di gestione progetti in contesti multiculturali. Negli ultimi dieci anni, mi sono dedicato al social marketing, focalizzandomi principalmente su Facebook. Quest'esperienza mi ha permesso di specializzarmi nel marketing digitale e nell'engagement online. Al di fuori del lavoro, ho una passione per la cucina, sperimentando nuove ricette e condividendo piatti con amici e familiari. La mia formazione include una laurea in Linguaggi Multimediali e Informatica Umanistica presso l'Orientale di Napoli e un diploma di perito informatico. Sono appassionato di tecnologia, social media e linguaggi informatici, e sono sempre alla ricerca di nuove sfide e opportunità di crescita professionale. E #ForzaNapoliSempre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *